Lapidario del Duomo

DSC_2952Con le opere di consolidamento e ripristino statico delle murature, dopo i sismi del ’76 si vennero a creare degli spazi ipogei che sono stati poi utilizzati, su idea e progetto dell’architetto Gemonese Alberto Antonelli e con il contributo del locale Rotary Club, come “Lapidarium” per la musealizzazione di reperti lapidei che altrimenti non si sarebbero potuti esporre. Sono raccolte una trentina di manufatti in pietra, di pregievole fattura del periodo medievale gemonese. Si possono ammirare parti di balaustre, chiavi di volta con fregi a bassorilievo, copia di una stele, opera di Magister Joannes datata 1293 (l’originale è esposto al Museo della Pieve), alcuni frammenti delle ali degli angeli che sovrastano la facciata del duomo e che, in origine, avevano appunto le ali in pietra.

___________________________________________

Il Lapidario è visitabile su richiesta
rivolgendosi alla Parrocchia: tel. 0432 980608.

Ingresso gratuito.